HUNYADI JÁNOS l'acqua medicinale di sale di Glauber

Hunyadi János l'acqua medicinale di sale di Glauber
Főbb oldott alkotóelemek:
Magnézium (Mg2+): 2900 mg/l
Nátrium (Na+): 4700 mg/l
Kalcium (Ca2+): 364 mg/l
Hidrogénkarb. (HCO3): 1210 mg/l
Szulfát (SO42-): 21200 mg/l
Klorid (Cl-): 700 mg/l
Összes alkotóelem: 31243 mg/l
HUNYADI JÁNOS glaubersós gyógyvíz

Carattere

I principali costituenti dell'acqua medicinale Hunyadi János, conosciuta e consumata dal 1863, sono il sale di Glauber e il sale inglese.

Applicazioni

Le acque medicinali di sale di Glauber sono caratterizzate dall'effetto purgante e curativo per le enteriti blande. L'acqua medicinale risciaqua la mucosa intestinale sciogliendoci i batteri e il catarro infiammatorio, li trasporta con sè e li elimina con le feci. La pulizia degli intestini comporta la diminuzione o cessazione dei sintomi catarrali fastidiosi, il gonfiore e i dolori.
È impiegabile efficacemente in caso di necessità di defecazione senza sforzi, il che è molto importante negli stati successivi a patologie cerebrovascolari o ictus, in caso di emorroide, arterosclerosi ed ernia.
L'acqua medicinale è un supplemento efficiente alla cura di certe patologie della colecisti, la sua consumazione diminuisce anche il rischio della calcolosi biliare. Ad effetto dell'acqua medicinale magnesiaca e di sale di Glauber la colecisti si contrae e provoca l'aumento del deflusso biliare nell'intestino. L'impiego continuo dell'acqua medicinale di sale di Glauber ha come effetto lo svuotamento regolare della colecisti e l'aumento della secrezione biliare, il cui risultato è la diminuizione del rischio di calcolosi e di infiammazione nella colecisti.
L'acqua medicinale, consumata dopo pasto, impedisce l'assorbimento dei grassi e delle proteine, per cui può essere impiegata anche come supplemento alla dieta dimagrante o contro l'ingrassamento.

Dosaggio

Per una purga alla volta è necessaria la consumazione di 2 dl di acqua medicinale. Qualora l'acqua medicinale venisse consumata senza diluizione, l'effetto si presenta solo dopo 12-24 ore, se invece consumata a digiuno, tiepida e diluita a metà con acqua, l'effetto si presenta già entro 1-2 ore. (Ciò viene dimostrato anche dalle analisi eseguite dal professor Sándor Tamás su pazienti sottomessi a interventi chirurgici sulla stimolazione della persitalsi intestinale in seguito a operazioni).
Per il trattamento di enteriti è consigliato consumare l'acqua medicinale a digiuno, mezz'ora – un'ora prima del pasto, in una dose di 1-2 dl al giorno come cura. Per patologie come disfunzioni della colecisti, malattie epatiche o diabete è consigliata la consumazione di 2-3 dl di acqua medicinale, distribuita in dosi minori durante la giornata.
In caso di dieta dimagrante o contro l'ingrassamento è consigliato consumare 3 volte 1 dl di acqua medicinale dopo i pasti principali.

Non utilizzato

Nei casi di gastrite ed enterita acute, ipocloridria, ulcara ed ulcera intestinale, debolezza cardiaca e dopo dierrea e vomito o di altri tipi di perdita di liquidi.

Sintesi storica

Tra le acque medicinali magnesiache la più antica e la più conosciuta è l'acqua medicinale Hunyadi János, che si è resa nota durante la scavatura dei pozzi nel 1862 sui piani chiamati Örsöd e Őrmező, situati nell'XI. distretto, nella valle meridionale del Sas-hegy (Monte dell'Aquila) e Sasadi-dűlő (Ciglione di Sasad), tra le colline di Kőérberk, Dobogó e Őrmező. Il proprietario trovò nel pozzo l'acqua magnesiaca a posto dell'acqua potabile. Saxlehner András, mercante di panni, fece analizzare l'acqua e riconoscendone le caratteristiche minerali preziose, acquistò il terreno. Lo fece costruire e commercializzò l'acqua magnesiaca col nome Hunyadi János. I principi curativi dell'acqua magnesiaca sono il solfato di magnesio e di sodio, di cui contiene 36 g/l dei 40g/l del totale delle sostanze minerali disciolte nell'acqua. L'aqcua medicinale venne analizzata chimicamente da grandi scienziati rinomati come Liebig, Bunsen, Fresenius, Ludwig ...ecc.
L'acqua magnesiaca Hunyadi János veniva distribuita prima sul mercato interno e nella Monarchia, poi dal 1869 veniva trasportata anche all'estero. Nel giro di pochi anni divenne un prodotto ricercato su cinque continenti. Durante i primi dieci anni due milioni di bottiglie furono vendute, in seguito già la maggior parte delle 15 milioni di bottiglie d'acqua prodotte nel 1913 venne esportata. Nel 1888 Saxlehner András fece costruire una ferrovia industriale a scartamento ridotto, collegando il proprio stabilimento con la stazione ferroviaria di Kelenföld a Budapest. Da quel momento in poi il trasporto si svolgeva tramite la ferrovia verso tutte le direzioni. Il commercio dell'acqua magnesiaca si ridusse tra le due guerre mondiali. Al giorno d'oggi invece è di nuovo in aumento la consumazione dell'acqua medicinale. Il suo effetto purgante può essere utilmente impiegato anche per le malattie catarrali e infiammatorie dell'apparato digerente.


Gyógyvíz: